02.10.2013

Scritto da

Web Marketing Immobiliare

Web Marketing Immobiliare

Strategie di Web Marketing Immobiliare

Appurato che avere un sito ben strutturato è un presupposto fondamentale, il passo successivo da affrontare è fare in modo che questo compaia nelle SERP (Search Engine Results Page) dei principali motori di ricerca.

Prima di iniziare è importante porsi alcune domande:

Conosci il traffico generato dal tuo sito?

Quanti utenti lo visitano? Quali e quante pagine visualizzano?

Qual’è il tuo obbiettivo?

Web Marketing Immobiliare, significa applicare una serie di strategie, volte al raggiungimento dell’obbiettivo prefissato: raggiungere un potenziale bacino di utenti; fornire loro contenuti mirati, esaurienti, interessanti; trasformare il tuo sito in un trampolino di lancio; incrementare le vendite.

Gli strumenti da sfruttare sono molti, e non si possono esaurire in un unico articolo. Il mio intento è di darvi una panoramica generale su tutto quanto è disponibile attualmente.

Cominciamo con il SEO, acronimo di Search Engine Optimization, con il quale si intendono tutte le attività sopra elencate. Ma andiamo per gradi e cerchiamo di fare chiarezza.

Quante volte hai fatto una ricerca su Google? I risultati che compaiono in seguito alla ricerca sono chiamati “risultati organici“, e sono quelli che probabilmente influenzeranno la tua scelta quando dovrai cliccare sul sito di un’azienda piuttosto che un’altra.

Ritengo opportuno differenziare due step fondamentali del SEO: in prima battuta si parla di “ottimizzazione SEO” una prima attività di cui avrà cura l’azienda che realizzerà il tuo sito (mi preme specificare che TUTTI i siti da noi realizzati sono già ottimizzati SEO).

Il secondo step invece, comprende una serie di attività che hanno come scopo quello di incrementare dei parametri e di diminuirne altri, per far si che il tuo sito goda di buona salute e quindi diventi davvero efficace.

Incrementare Le Visite: ovvio? Forse. Semplice? Dipende. Ci sono diversi modi per aumentare le visite di un sito, (più o meno lecite), ma non è importante aumentare solo la quantità di traffico, dobbiamo tener ben presente la qualità del traffico che raggiunge il nostro sito. I “non addetti ai lavori”, come possono capire se le scelte fatte sono giuste? Semplice, basta monitorare il traffico, ma anche la permanenza, le pagine visitate e la frequenza di rimbalzo

Incremento Tempo Di Permanenza: questo è un dato importantissimo perché quando aumenta, significa che l’utente non solo ci ha trovato, ma è rimasto sul nostro sito per un tot di tempo e, molto probabilmente, ha trovato il contenuto di suo interesse

Incremento Delle Pagine Visitate: complementare al punto precedente. L’utente ci ha trovato, magari attraverso un immobile ben preciso, e poi ha scelto di visualizzare altre pagine del nostro sito

Incremento Dei Visitatori Unici: attraverso degli accorgimenti tecnici, per valorizzare maggiormente la qualità del numero delle visite, si può fare in modo che il sistema non conti lo stesso utente che torna più volte sul nostro sito. In altri termini, se la persona “x” trova il nostro sito e in seguito decide di tornarci, questa nuova visita non andrà ad aumentare il parametro delle nuove visite

Ridurre Al Minimo La Frequenza Di Rimbalzo: si intende evitare che molti utenti non interessati arrivino sul sito, ma aumentare solo quelli realmente interessati ai servizi. Come dicevamo prima, è del tutto inutile che il sito sia visitato per “sbaglio”. Quante volte ti è successo di “atterrare” su un sito che non ha niente a che fare con la ricerca che avevi iniziato? E che cosa fai quando questo accade? Chiudi la pagina e ricominci la ricerca da capo. Questo aumenta la frequenza di rimbalzo e va evitato

Lo scopo principale dell’attività di Web Marketing è quello di generare o aumentare le CONVERSIONI. Risultato naturale della somma dei punti precedenti. L’utente trova il sito, lo naviga, è interessato, decide di compilare il form di richiesta informazioni o contatta l’agenzia tramite mail o telefono. Scopo raggiunto!

Il SEO è una parte fondamentale del lavoro di Web Marketing, e secondo me acquista maggior valore se inserito all’interno di un contesto più ampio di Marketing. Ecco perché dico sempre che la singola attività non è del tutto efficace, se non affiancata da tutto il resto. E’ giusto però avere il tempo di maturare certi concetti ed essere aperti e pronti a mettere insieme i vari tasselli di una buona strategia a 360°.

Nel prossimo articolo, spiegherò che cosa sono le Landing Pages, a cosa servono e perché sono più efficaci del sito internet.

Come sempre, il tuo commento mi fa sempre molto piacere ;-)

  1. Che dire?! come sempre contenuti utili e appropriati. Fai bene a precisare che ogni tassello deve poi essere messo in relazione con gli altri per far funzionare tutto con successo! Ma la domanda che molti di noi si pongo è… come faccio a star dietro a tutto? e quanto mi costa delegare questo ad un azienda esterna come la vostra?

  2. Buongiorno Roberto e grazie per il tuo commento.
    Se il mio contenuto è appropriato, la tua domanda lo è ancora di più.
    Diciamo che il lavoro “sporco” va delegato, il monitoraggio va fatto insieme per far rendere al massimo l’investimento fatto.
    Per il costo, ti farò contattare da un collega, in questa sede posso dirti che il bello di questi strumenti (come per esempio AdWords, argomento che affronteremo nei prossimi articoli), sono misurabili, concetto del tutto nuovo rispetto al passato, dove per la carta si andava molto più a sensazione.
    A presto…

  3. Utilissimo il tuo blog e tutte le informazioni contenute. Grazie!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>