22.10.2013

Scritto da

Google AdWords La Rivoluzione della Pubblicità

Google AdWords La Rivoluzione della Pubblicità

Rivoluzione?

Era il 2002 quando Google inventò AdWords: una vera e propria rivoluzione nel mondo della pubblicità.

Pensiamo per un attimo a come eravamo stati abituati a concepire la campagna pubblicitaria fino a quel momento: l’azienda che va in cerca di nuovi clienti.

Qualsiasi forma di pubblicità era concentrata sulla diffusione di un determinato marchio o prodotto al fine di invogliare il consumatore a scegliere una particolare marca di auto, una determinata compagnia telefonica, o il prodotto di elisir di lunga vita :-)

Con Google AdWords tutto questo è cambiato: non è più l’azienda che va in cerca di nuovi clienti, ma i clienti che cercano l’azienda o il determinato prodotto.

Che cos’è Google AdWords?

Ogni giorno, milioni e milioni di persone fanno ricerche su Google. Ormai tutti noi, prima di acquistare un prodotto, fare una vacanza, scegliere il ristorante, facciamo un giro su Google in cerca di informazioni utili che determineranno la nostra scelta.

Questo vale anche per chi sta cercando una nuova casa.

Con il servizio AdWords hai la possibilità di farti trovare, fra milioni di risultati, proprio nel momento in cui un potenziale cliente sta cercando casa nella tua zona!!!

…”Scusa Stefano, ma se è così semplice, perché mi parli di SEO, strategie, Landing Pages, Blog etc.etc.? Mi attivo una bella campagna PPC (Pay Per Click) su AdWords e aspetto che i clienti arrivino in agenzia, giusto?”… :-) Concettualmente è giusto, nella pratica un po’ meno, vediamo perché…

Oltre a te, ci sono centinaia di concorrenti nella tua zona in cerca di nuovi clienti, inoltre, ci sono i portali immobiliari che basano molto le loro campagne pubblicitarie su AdWords e dal momento che i loro budget sono diversi da quelli che possono essere utilizzati da un’agenzia singola, è difficile poter reggere il confronto.

…”Ho capito Stefano, quindi?”…

La soluzione, come dico sempre, è organizzare una strategia di Web Marketing a 360° che preveda ANCHE campagne PPC (Pay Per Click) ma che non si basi unicamente su uno o l’altro strumento.

Ritengo che una campagna di Google AdWords, sia un’ottima scelta per un’agenzia immobiliare, ci sono però degli errori che possono risultare fatali, bruciando letteralmente i proprio soldi in pochissimo tempo, quindi attenzione.

Cerchiamo di capire di che cosa si tratta prima di iniziare a investire.

Come funziona una campagna di Google AdWords?

Attivare una campagna è molto semplice, la guida alla configurazione che Google offre, è fatta molto bene, quindi ti consiglio di leggerla qui.

Vediamo quali sono i vantaggi principali ma anche i rischi che si corrono.

Vantaggi

  • Si paga un costo per ogni click effettuato dall’utente PPC (Pay Per Click)
  • La sola visualizzazione del risultato non costa nulla
  • Puoi decidere quanto spendere quotidianamente
  • Puoi verificare i risultati e decidere di modificare i parametri della campagna

Attenzione a non compiere errori “brucia soldi”

Abbiamo parlato di concorrenti e portali immobiliari, ricordi? Bene, non utilizzare quindi parole chiave troppo generiche tipo “agenzia immobiliare”, “vendita immobili”, “affitto casa”.

Concentrati invece su parole chiave più mirate ai tuoi prodotti. Sei un’agenzia che ha molti bilocali in vendita a Milano in pieno centro? Ok, allora ti consiglio di investire su combinazioni del tipo “bilocale vendita milano centro” piuttosto che “bilocale milano” dove la concorrenza e il costo a click sarà sicuramente molto più alto.

Punta sulla Landing Pages e non sulla “home del tuo sito in prima pagina su Google”!

Una Landing Pages Transaction è molto più appetibile per l’utente piuttosto che una pagina generica come la home page. Se non ricordi il motivo rileggiti questo articolo.

Non monitorare la campagna è un altro errore gravissimo: dopo aver iniziato una campagna, ci si potrebbe accorgere che alcune parole chiave scelte sono troppo generiche e quindi non convertono (tanti click ma poche conversioni); oppure che è meglio aggiungere altre parole chiave, o cambiare la pagina di destinazione.

È perfettamente normale, ma se non si tiene sotto controllo il proprio investimento, si rischia di sprecare un sacco di soldi, e di questi tempi meglio evitarlo…

Attenzione a come si configura la campagna  AdWords! 

Non basta spendere soldi per avere le conversioni. Non ci si improvvisa quando si parla di pubblicità, e chi lo fa il 99% delle volte rimane insoddisfatto o peggio ancora abbandona questa strada pensando che questo strumento non sia adeguato alla sua attività, lasciando il campo libero alla concorrenza.

Aggiungo inoltre che l’interesse di Google è quello che le aziende investano il più possibile su questo strumento pubblicitario, quindi è lecito pensare che nelle loro guide non mettano in risalto i trucchi per spendere il meno possibile e trarre il massimo beneficio, non trovi? Quindi fai attenzione! ;-)

Legenda Base

Come avrete capito leggendo questo articolo, ci sono tanti aspetti che dobbiamo conoscere per investire al meglio il nostro denaro.

Mantenendo sempre un taglio divulgativo e non tecnico, ti indico di seguito la legenda indispensabile da conoscere:

PPC Pay Per Click –> Google addebita il costo del click che l’utente compie sull’annuncio che viene visualizzato dopo la ricerca

Impressioni –> Frequenza di pubblicazione di un annuncio, ovvero numero di visualizzazioni

CTR –> Strumento per misurare il rendimento delle parole chiave scelte. Il CTR è il rapporto tra click e impressioni

Conversioni –> È l’obbiettivo principale di una strategia di Web Marketing. È l’azione che vogliamo che l’utente, una volta arrivato sulla pagina pubblicizzata, compia: compilazione del form richiesta informazioni o telefonata in agenzia

Ok, mi fermo, sto diventando noioso… :-(

Il mio intento era di darti una panoramica generale su cosa significhi investire mediante AdWords.

Per mia esperienza, so che spesso l’agente immobiliare, non ha il tempo, le conoscenze e…concedimelo…a volte anche la voglia di seguire come si deve un impegno delicato come questo…è normale…

In ogni caso, il mio consiglio è quello di fare una scelta: o applicarsi con il dovuto tempo, documentarsi bene prima di iniziare e monitorare approfonditamente poi la campagna pubblicitaria, oppure affidarsi a un’azienda strutturata per questo.

Evitare assolutamente di investire a cuor leggero perché si rischia veramente di buttare al vento i propri soldi.

Mi farebbe piacere sapere che cosa ne pensi, quindi se vuoi, lascia un commento! ;-)

 

  1. francesco scrive:

    come sempre si leggono articoli interessanti complimenti

  2. già provate, funzionano, ma devono essere seguite costantemente, se il gruppo Retecasa le facesse ad ampio raggio non sarebbe male

  3. Scusa ho lasciato il mio commento su Facebook, in ogni caso sono favorevole a tutte le iniziative che spingono ad aumentare strumenti pubblicitari a basso costo ed efficaci,anche per scappare dal monopolio che secondo me stanno prendendo i portali. Sono sempre stata per la ”nicchia e non ”la massa” forse sbaglio..Comunque complimenti ottimo lavoro e supporto.Sicuramente o si ha una segreteria dedicata a questo o meglio affidare a terzi. Al momento però noi personalmetne non possiamo avere ne uno ne l’altro sig sig…

    • Ciao Silvana, il commento su Facebook va benissimo e grazie per i complimenti! :-)
      Più che massa o nicchia, direi che la direzione giusta sia quella dove ognuno ha un certo tipo di ritorno (ROI). Non voglio denigrare i portali immobiliari, ma è ovvio che il sito dell’agenzia e un portale immobiliare sono due strumenti completamente diversi. Sul portale ci sono centinaia di immobili di altrettante agenzie, sul proprio sito il discorso è decisamente più mirato. Una buona strategia secondo il mio modesto parere deve includere sia l’uno che l’altro, compatibilmente con le proprie risorse. Concordo sul tuo punto di vista, il portale porterà quantità di richieste, mentre il proprio sito qualità. Inoltre indirizzando l’utente sul proprio sito è come portarlo in agenzia…mica male ;-) A presto…

  4. E’ tutto molto bello e intelligente, penso però che l’agente immobiliare faccia molta fatica a dedicare 1-2 ore al giorno per questo tipo di attività, forse è meglio che se ne occupi qualcuno di molto più preparato di noi. Probabilmente ci saranno risultati migliori e costi più bassi.
    Ciao a tutti, ermanno

  5. Buongiorno a tutti e soprattutto a te Stefano, continua ad illuminarci, queste perle sono di aiuto e motivazione in un momento come questo. Sono convinto che il web marketing immobiliare sia il futuro e vale la pena investire tempo e denaro per approfondire l’argomento.
    Ma devo fare un osservazione, anche i conoscitori di web marketing, formatori ecc. sono in aumento e bombardano e corteggiano con tutti gli strumenti possibili, noi agenti ma tutti i professionisti in generale, sembra che tutti ne sappiano una più del diavolo, come fare ad individuare l’aiuto giusto?
    PS.: non vale vantarsi!

    • Ahahah…
      Parliamoci chiaro, il Web Marketing è la pubblicità dei nostri tempi, quindi è normale che più player si concentrino su questa attività.
      Ci vorrebbe un articolo intero per rispondere alla tua domanda…anzi, sai che faccio? Lo scrivo e pubblico prossimamente…
      A presto!

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>