26.04.2016

Scritto da

Il gestionale immobiliare: una perdita di tempo?

Il gestionale immobiliare: una perdita di tempo?

Siamo abituati a correre, sempre. Certo, è bene arrivare primi, battere la concorrenza, farsi trovare pronti senza perdersi in dettagli noiosi. Un gestionale immobiliare professionale, come Agim, sembra proprio uno di questi dettagli noiosi, e imparare ad usarlo da la sensazione che sia una perdita di tempo! Eh si, perbacco, tutte quelle funzioni, mille pulsanti, i dati da inserire, imparare a usarlo… chi ha tempo per fare tutte quelle cose? Chi me lo fa fare?

Certo, Se hai intenzione di smettere di fare questo lavoro tra poche settimane, sono pienamente d’accordo con te. Chi te lo fa fare? Forse però chi legge questo articolo è un Agente immobiliare che ha in previsione di fare questo lavoro il più a lungo possibile,  possibilmente lavorando al meglio (ovvero guadagnando il più possibile), e soprattutto dotandosi di una rara capacità oggi necessaria nel mondo dell’imprenditoria: programmare il futuro.

Cosa c’entra il futuro con un gestionale immobiliare? Facciamo un esempio banale: Se mediamente ogni 3-4 giorni inserisco nella mia vetrina un cartello nuovo, e per ogni cartello, usando Word (che uso benissimo, eh?) ci impiego 10/12 minuti (creatività, testi, foto, classe energetica, impaginazione, stampa, controllo, etc), vuol dire che alla fine del mese ho perso 2/3 ore circa per fare questo. Alla fine dell’anno ho speso 25/30 ore di lavoro. Nel frattempo, peraltro, non ho mai rinnovato la vetrina, perchè mi costa del tempo mettermi li a rifare tutti i cartelli, non ci penso nemmeno! Anche se, purtroppo, ho dei cartelli in vetrina da mesi, peraltro un pochino sbiaditi… Ci accontentiamo, pazienza…

Se invece oggi spendo 2/3 ore per capire come fare i cartelli con il gestionale (proprio volendo essere pessimisti), comprenderò che domani ci vorranno non più di 5 minuti per stamparne una ventina tutti insieme, perfettamente coordinati, e senza dove controllare niente, (poichè testi, foto, layout sono pre-caricati da tempo sul gestionale). Quindi vuol dire che oggi ho speso 2/3 ore per risparmiarne decine e decine in futuro. Ah, nel frattempo, almeno una volta al mese, rinnovo totalmente la vetrina, senza nessuna fatica.

Morale: oggi ho investito un pochino di tempo in più, ma domani andrò più veloce, ho eliminato un costo, e sto facendo le cose meglio di prima. Ora, provate ad applicare questo ragionamento a tutte le centinaia di azioni che possono essere fatte con un gestionale (ma attenzione: parliamo di un gestionale immobiliare professionale, come lo è Agim), poi calcolate le tonnellate di ore risparmiate, ed infine rifatevi la stessa domanda nel titolo di questo articolo…

Lascia un commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>